RESTIAMO IN
CONTATTO

  • Chiamaci via Skype
  • Telefono

    + 39 089 27 16 98

  • Cellulare

    +39 3477347547

Costiera Amalfitana

23/06/2017

LEGGI QUI

Luogo fuori dal comune raccontato prevalentemente per luoghi comuni, la Costiera Amalfitanamette in serissimo imbarazzo chiunque voglia descriverla in maniera originale, senza cadere nel "già detto" o "già scritto".
E quindi, non si può dribblare l'introduzione più banale, che fa obbligatoriamente perno sulla straordinaria bellezza dei posti.
Promontori, fiordi, calette, grotte, panorami mozzafiato: l'approccio alla Divina può essere solo ed esclusivamente estetico, di godimento assoluto. E però, di fronte a questa "terra di là del mare, dove s'incontrano l'onde colle montagne" (Longfellow), una delle prime tentazioni che aggredisce il visitatore è quella dell'ascesi mistica.
Se c'è un posto al mondo dove viene facile far risalire la creazione ad un'unica Intelligenza e Creatività, questo posto è la Costa d'Amalfi.
In realtà, questo minuscolo lembo del territorio salernitano rappresenta la somma di tante specificità che convivono armoniosamente tra loro, in una simbiosi quasi sovrannaturale che fonde suggestioni paesaggistiche e testimonianze d'arte, storia, cultura e civiltà.
Siamo di fronte al trionfo della biodiversità, nell'accezione più ampia del termine: qui ogni metro quadro è baciato dalla tipicità. Discorso che vale tanto per il caratteristico limone, lo "sfusato" amalfitano, quanto per i prodotti dell'artigianato locale, in primis la ceramica artistica di Vietri sul Mare.
Gli echi di assoluto che promanano da tutte queste "unicità" rappresentano il vero mistero, da secoli invano indagato, della Costa d'Amalfi. Di certo non sono sufficienti il sole, il mare e i paesaggi incantevoli a rappresentare compiutamente l'anima del territorio.
Forse l'arché, il principio di tutte le cose, va rintracciato nel "genius loci": Amalfi, Positano, Praiano, Minori, Maiori, senza dimenticare gli altri piccoli centri, non sarebbero mai riuscite a scatenare tante suggestioni se, nel corso dei secoli, la mano dell'uomo non fosse stata tanto ispirata nel plasmare rispettosamente il territorio secondo canoni estetici universali, e universalmente riconosciuti e condivisi. Non si spiegherebbero altrimenti, d'altronde, le belle pagine che sensibilità artistiche diverse, e di differenti culture, hanno dedicato alla Costa d'Amalfi: da Ibsen a Steinbeck, da Boccaccio a Fubini, a Gregorovius.
Volendo pagare dazio a un luogo comune, si può dire che la Costiera è un "porto franco dello spirito", intendendo con ciò un posto dove le tensioni del mondo si stemperano, si annullano, e l'uomo è solo di fronte al mistero della sua natura, esaltata da tanto splendore.
Trentasette chilometri di costa, direzione sud-nord, dalle porte di Salerno alla penisola sorrentina: in alto lungo il nastro di asfalto, o in basso scivolando sull'acqua ai piedi di quei giganti di roccia, dietro ogni curva si cela una nuova meraviglia, qui tutto è patrimonio dell'umanità

ISCRIVITI
ALLA NEWSLETTER

Scopri tutte le novità in anteprima
iscrivendoti alla newsletter

Newsletter

VIENI A
TROVARCI

Tour Operator DAPRO VIAGGI
Piazza Matteo Galdi, 17 - 84135
Salerno Italy

Dvoe siamo

HAI BISOGNO
DI AIUTO?

Scrivici e
ti risponderemo presto

Contatti

© 2014 - 2016 Tour Operator DAPRO VIAGGI - P.IVA 03813660655 - tutti i diritti riservati

IN COLLABORAZIONE CONLuci D'artista

accedi Accedi 3d0